Quanti tipi di dermatiti ci sono?

Con il termine “dermatite” si indicano diversi disturbi della pelle, generalmente contraddistinti da fenomeni infiammatori. Le cause o i fattori scatenanti variano ovviamente in base alla tipologia di dermatite. Altrettanto si può dire di conseguenza rispetto al trattamento. Su ogni tipo di dermatite occorre cioè intervenire in modo specifico.

Ma quali sono i principali tipi di dermatiti e come si possono riconoscere? Scopriamolo.

Principali tipi di dermatiti

Elenchiamo di seguito i principali tipi di dermatiti:

  • la dermatite seborroica;
  • la dermatite atopica;
  • la dermatite da contatto;
  • la dermatite periorale;
  • la dermatite erpetiforme.

Dermatite seborroica: come riconoscerla

La dermatite seborroica è un tipo di dermatite caratterizzata da infiammazione cutanea in special modo del cuoio capelluto e del viso ma non solo. Si manifesta con sintomi quali:

  • arrossamento;
  • formazione di squame untuose che si staccano e cadono, per essere spesso sostituite da crosticine;
  • prurito.

Dermatite atopica: come riconoscerla

La dermatite atopica è costituita da un insieme di manifestazioni cutanee di tipo infiammatorio. Questa dermatite insorge su una pelle contraddistinta da secchezza, in aree come il viso, le mani, i piedi, le pieghe del gomito e quelle del ginocchio, il torace e il collo.

Le chiazze caratteristiche della dermatite atopica presentano vescicole e poi squame o crosticine. La pelle tende inoltre a ispessirsi.

 

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo correlato

dermatite atopica seborroica


Dermatite atopica e dermatite seborroica, le differenze

 

Dermatite da contatto: come riconoscerla

Come il nome stesso suggerisce quella da contatto è una dermatite strettamente correlata a al contatto diretto con una specifica sostanza che determina l’insorgenza di un fastidioso fenomeno infiammatorio. Si tratta quindi di una reazione della pelle ad allergeni che possono essere sia chimici sia naturali.

La dermatite da contatto è caratterizzata da un’infiammazione improvvisa della cute che diventa rossa e intensamente pruriginosa. Rientra nell’ambito delle dermatiti da contatto un particolare tipo di dermatite. Si tratta della cosiddetta dermatite da prato, irritazione scatenata dal contatto con fotocumarine, sostanze presenti in quantità più o meno abbondanti nei fili d’erba e in molte piante comuni, come i gerani. La reazione infiammatoria, nel caso specifico, si verifica solo con la contemporanea esposizione al sole. Sono infatti i raggi solari ad agire sulle fotocumarine, attivandole e rendendole irritanti per la cute.

Dermatite periorale: come riconoscerla

La dermatite periorale si caratterizza per una eruzione di papule, che altro non sono che dei piccoli rilievi cutanei, a carattere eritematoso. Le papule esordiscono a livello delle pieghe nasolabiali e, successivamente, si estendono intorno alla bocca, coinvolgendo anche parte delle guance oltre che il mento.

Le cause dell’insorgenza della dermatite periorale non sono ancora del tutto note. Si ipotizza comunque che si tratti di una reazione derivante dall’uso prolungato di alcune sostanze, come i corticosteroidi topici, e di determinati cosmetici.

Dermatite erpetiforme: come riconoscerla

La dermatite erpetiforme è una malattia intensamente pruriginosa e cronica, contraddistinta da lesioni quali:

  • papule;
  • vescicole;
  • piccole bolle che tendono a raggrupparsi e a formare grappoli e infine croste.

Come diagnosticare una dermatite

In presenza di uno stato irritativo della cute accompagnato da altri sintomi è sempre opportuno rivolgersi al proprio dermatologo di fiducia. Solo uno specialista può infatti compiere una diagnosi dettagliata, individuando lo specifico disturbo e intervenendo di conseguenza. Il fai da te va invece accuratamente evitato. Il rischio che il paziente potrebbe correre, infatti, è di aggravare ulteriormente il proprio quadro.

 

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo correlato

 

sconfiggere la dermatite seborroica dal dermatologo
Dermatite seborroica, domande da fare al dermatologo

 

 

[Photo by humberto chavez on Unsplash]
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

La forfora va combattuta con shampoo molto schiumogeni

La dermatite seborroica può colpire anche il torace

La dermatite seborroica può causare infezioni alla pelle?

Scroll to Top