Shampoo per la forfora: come sceglierlo

La forfora è un disturbo che interessa un’enorme mole di persone. Una problematica che, pur non essendo pericolosa per la salute, genera comunque un certo imbarazzo in chi ne è soggetto, soprattutto nei casi in cui la forfora presente sul cuoio capelluto risulti ben visibile agli altri.

Come spesso accade, per poter intervenire su questo disturbo è necessario agire simultaneamente su più fronti, adottando una serie di buone abitudini. Tra queste, rientra ad esempio la prassi di seguire un’alimentazione sana ed equilibrata, punto di partenza fondamentale per la salute della chioma e del nostro organismo nel suo complesso.

Ma per agire sulla forfora è anche importante utilizzare prodotti idonei durante il lavaggio dei capelli. Come si può scegliere uno shampoo per la forfora davvero efficace? Cosa occorre tenere in considerazione? Scopriamolo.

 

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo correlato

shampoo contro la forfora

La forfora può provocare la caduta dei capelli?

 

Migliori shampoo antiforfora: caratteristiche

Iniziamo ad approfondire le caratteristiche possedute generalmente dai migliori shampoo antiforfora. È innanzitutto opportuno sapere che lo shampoo per la forfora va

scelto in base alla gravità della problematica nonché alla tipologia di cute. Per questo motivo, è sempre consigliabile rivolgersi al proprio dermatologo di fiducia che saprà indicare il prodotto più adatto alle specifiche esigenze.

In linea generale, si può comunque sostenere che nella scelta dello shampoo un occhio di riguardo va riposto sulle sostanze di cui si compone. Gli ingredienti del prodotto non devono infatti essere per nessun motivo aggressivi. Questa accortezza serve a evitare il rischio di peggiorare il già delicato quadro.

I migliori shampoo antiforfora sono inoltre in grado di ripristinare il pH fisiologico della pelle. Tra i suoi compiti principali uno shampoo per la forfora deve poi aiutare a idratare il cuoio capelluto, oltre che agire sui sintomi caratteristici del disturbo, come prurito e desquamazione.

 

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo correlato

Prevenire la forfora

Forfora, come prevenirla

 

Le sostanze cheratolitiche sono utili?

Molti degli shampoo per la forfora disponibili sul mercato presentano sostanze cheratolitiche tra i propri principi attivi. Queste sostanze tendono a distaccare grandi quantità di cellule dal cuoio capelluto. In taluni casi, la loro applicazione può contribuire ad accrescere lo stato irritativo, arrivando paradossalmente a scatenare un effetto rebound, ovvero un inasprimento del disturbo.

n alcuni soggetti l’applicazione di prodotti contenenti questo tipo di sostanze può quindi risultare aggressiva. Si tratta perciò di shampoo non adatti a tutti i tipi di forfora.

Come lavare i capelli con forfora

Fortunatamente per agire su una problematica come la forfora esistono diversi prodotti. Risultati molto soddisfacenti si riscontrano ad esempio con l’uso di ALUSEB® Shampoo Doccia, privo di sostanze cheratolitiche.

Attraverso l’azione sinergica svolta dall’Alukina, dalla camomilla, dallo zinco PCA e dalle proteine del grano idrolizzate, ALUSEB® Shampoo Doccia deterge il cuoio capelluto, riuscendo nel contempo a normalizzare le alterazioni del film idrolipidico. Il prodotto aiuta inoltre a rendere i capelli voluminosi, morbidi e brillanti, permettendone una buona pettinabilità grazie all’effetto antistatico.

Oltre alla scelta di uno shampoo idoneo per il proprio cuoio capelluto, è anche opportuno sapere come lavare i capelli con forfora. Durante questa importante operazione, occorre evitare di strofinare il cuoio capelluto in modo tale da non aggravare lo stato irritativo. Lo shampoo utilizzato durante il lavaggio va infatti applicato massaggiandolo sul cuoio capelluto con delicatezza, per poi risciacquare abbondantemente.

Un minimo di attenzione deve infine essere riposta durante l’asciugatura dei capelli. Il phon va mantenuto a debita distanza dalla testa per evitare di surriscaldare il cuoio capelluto. Per lo stesso motivo, mentre si asciugano i capelli, è consigliabile fare delle brevi pause.

 

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo correlato

forfora sopracciglia

Come eliminare la forfora sulle sopracciglia

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

I prodotti per i capelli possono provocare la formazione di forfora secca

ALUSEB® Crema non può essere applicata sul cuoio capelluto.

L’alimentazione non ha influenza sulla dermatite seborroica

Scroll to Top