Neonati: dermatite seborroica VS dermatite atopica

I neonati possono essere colpiti sia da dermatite seborroica, nota anche come crosta lattea, sia da dermatite atopica, patologie che si tende spesso a confondere.

LE DIFFERENZE TRA DERMATITE SEBORROICA E DERMATITE ATOPICA NEI NEONATI

Uno dei primi elementi distintivi riguarda il prurito. In presenza di dermatite seborroica il bambino non lo avverte, mentre se è affetto da dermatite atopica, il piccolo sarà interessato anche da questo fastidioso disturbo.

Un’altra differenza sostanziale riguarda la durata della malattia. Di solito, la crosta lattea scompare in maniera spontanea dopo il terzo mese di vita, mentre la dermatite atopica può permanere, tanto che viene spesso messa in relazione con fattori allergici come l’alimentazione.

In alcuni casi, la dermatite seborroica viene comunque associata alla dermatite atopica. Sono diversi, infatti, gli esperti che considerano la dermatite seborroica presente nei primi tre mesi di vita come una variante della dermatite atopica. Secondo questi studiosi, in pratica, nelle prime settimane di vita la dermatite atopica può presentarsi sotto forma di dermatite seborroica.

 

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo correlato

Crosta lattea nei neonati

 

Crosta lattea nei neonati: cosa fare?

 

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

La dermatite seborroica può colpire anche gambe e gomiti

ALUSEB® Crema non è efficace per il prurito che può permanere dopo l’Herpes Zoster

La crosta lattea può ripresentarsi durante la pubertà

Scroll to Top