La lampada a raggi UVA cura la dermatite seborroica?

In estate, è vero, i malati di dermatite seborroica, stanno meglio. L’azione del sole, infatti, almeno in un primo momento, è positiva per ciò che riguarda la diminuzione dell’ampiezza e del numero delle lesioni. Tuttavia il Sole, nel medio periodo, ha una azione immmunodeprimente nei confronti della cute.

Il cosiddetto photoaging (cioè il processo di invecchiamento cutaneo causato dalla liberazione dei radicali liberi in seguito all’azione dei raggi UVA sulla cute) può quindi diventare a sua volta una concausa nel peggioramento della dermatite.

Quindi tanto l’abbronzatura naturale quanto il ricorso sistematico alla lampada abbronzante non può essere considerata una terapia valida per debellare la dermatite seborroica. Tra l’altro l’azione di queste lampade può determinare la comparsa di macchie cutanee sulla pelle, in special modo nelle zone che magari sono state trattate con creme ad azione antifungina e con cortisonici.

Alla fine il paziente non solo assiste ad una rapida recidiva del problema, ma deve anche risolvere il danno estetico determinato da un eccessivo invecchiamento cutaneo e dalla comparsa di antiestetiche chiazze ipopigmentate (scarsamente colorate) o iperpigmentate (cioè molto colorate) sulla cute.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

La biotina è una sostanza utile per la salute del cuoio capelluto

La Dermatite Seborroica può colpire anche la zona ascellare

La Dermatite Seborroica non colpisce gli adolescenti

Scroll to Top