Forfora secca e forfora grassa: sintomi e differenze

La forfora è un problema del cuoio capelluto piuttosto diffuso, che interessa entrambi i sessi. Ne esistono due tipi: secca e grassa.

La forfora secca è contraddistinta da scaglie sottili dall’aspetto farinoso e color bianco, che interessano in maniera uniforme tutto il cuoio capelluto, tendendo a staccarsi dalla testa. La sua formazione può dipendere da diversi fattori: uso abituale di prodotti per capelli troppo aggressivi, carenza di ceramidi (grassi che proteggono il cuoio capelluto), stress e malattie cutanee come la psoriasi.

La forfora grassa presenta scaglie grandi (superiori ai 2 millimetri) di color giallastro e dall’aspetto untuoso e appiccicoso. Alla base del disturbo vi possono essere una produzione eccessiva di sebo o una possibile infezione in atto sulla cute. In alcuni soggetti, il problema si manifesta contemporaneamente alla presenza di dermatite seborroica, dando così origine anche a rossore, prurito e, in determinati casi, a una caduta dei capelli superiore al normale.

Per contrastare entrambe le tipologie di forfora, un aiuto significativo può venire da ALUSEB® Shampoo e ALUSEB® Lozione che possono essere usati tutti i giorni, garantendo risultati molto efficaci, grazie alla presenza del composto polifunzionale Alukina.

Alukina, frutto della ricerca italiana, si basa sull’azione combinata di tre sostanze naturali: l’allume di rocca, che ha una funzione astringente e sebostatica, la vitamina A, capace di favorire il ricambio cellulare, e l’acido glicirretico, estratto della liquirizia lenitivo ed emolliente.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

L’Alukina contiene anche un estratto della liquirizia

La crosta lattea va rimossa con le unghie

Quando si ha la dermatite seborroica si possono mangiare alimenti piccanti

Scroll to Top